DPG: da la mia faccia sopra un magazine a la mia faccia a Tim Vision

DPG: da la mia faccia sopra un magazine a la mia faccia a Tim Vision

Dark Polo Gang, la seconda gang italiana dopo la Dogo Gang, è un fenomeno che in questi ultimi anni ha decisamente fatto parlare di sé. Amati, odiati, criticati, impossibile non notare i quattro tamarri di Roma, impossibile ignorarli e non parlare di loro. Hanno letteralmente segnato un punto di rottura capace di dividere la scena, la critica, il pubblico e gli addetti ai lavori. Si può dire tutto e il contrario di tutto su di loro, eccentrici e sfrontati ai limiti del consentito e del buon gusto, a loro va sicuramente il merito di non essere personaggi costruiti. Loro sono così nella vita privata, nelle occasioni pubbliche e sui social e poi, diciamo la verità, ‘Sportswear’ é uno dei pezzi che abbiamo ballato di più l’anno scorso e che vanta anche la cover di De André. Hanno avuto il consenso del maestro del rap Noyz Narcos che li ha paragonati al Truce Klan scatenando non poche polemiche, hanno di recente collaborato con Rich The Kid, Dark Side sta facendo parlare di sè più del solito per la sua inclinazione verso le droghe, eppure sebbene in molti sperassero in un fenomeno passeggero, pare che la DPG sia tutt’altro che sulla via del tramonto, almeno per il momento.

Ecco infatti arrivare la notizia di una docu serie firmata Tim Vision completamente dedicata a Sick Luke, Pyrex, Wayne Santana, Tony Effe e Dark Side. Nonostante non ci sia ancora una data d’uscita certa, sappiamo entro la fine dell’anno, la serie ha come obiettivo quello di permettere ai più giovani di comprendere meglio il mondo DPG. Quello dell’abuso di droghe, eccessi, soldi e puttane? Chi lo sa. Sta di fatto che nel corso delle puntate ci saranno degli approfondimenti sui singoli membri del gruppo, ma ci sarà anche e soprattutto la possibilità di capire e vedere il modo in cui nascono le loro tracce musicali.

 

1 Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: