Cosa penso della questione mance

Cosa penso della questione mance

Finora mi sono limitata a riportare la blacklist pubblicata dai Drivers di Deliveroo sul loro gruppo Facebook, ma penso da una parte sti cazzi e dall’altra che è uno schifo.

Queste persone fanno il loro lavoro, che sia figo o meno, sottopagato o meno, è pur sempre un lavoro grazie al quale entrano in contatto ogni giorno con centinaia di persone, famose e non. Entrano nelle nostre case, lussuose e non, e nessuno gli dà il diritto di spiattellare nero su bianco chi dà loro una mancia e chi non lo fa. È assurdo che arrivino addirittura a minacciare le persone che quotidianamente entrano in contatto con loro. È assurdo che da una lista, quotidiani e siti importanti come Il Messaggero, La Repubblica e via dicendo titolino MARRACASH NON DÀ LA MANCIA/ FEDEZ È UN TACCAGNO, ma vi rendete conto? Questo è gossip di basso livello basato sul nulla!

Un conto è esporre i fatti, dire È STATA PUBBLICATA QUESTA BLACKLIST, un altro è puntare il dito contro personaggi famosi, ma poi noi lo sappiamo se hanno dato la mancia o no? Ma poi a noi esattamente che ce ne frega? Non hanno di certo rubato, possono non aver dato una mancia per x motivi, e comunque DARE LA MANCIA NON È OBBLIGATORIO E NON DARLA NON È REATO!

Ma davvero queste persone devono sentirsi in dovere di chiarire la questione via Instagram stories? Esattamente di cosa sarebbero accusati? Io parlerei della mancanza di privacy e di rispetto di questi drivers, e soprattutto della gravità di quanto hanno scritto:

Ricordatevi sempre una cosa clienti: entriamo nelle vostre case, vi portiamo il cibo e qualsiasi altra cosa vogliate, praticamente a tutte le ore del giorno, siamo in strada sotto la pioggia battente o sotto il sole cocente, senza assicurazione. Sappiamo tutto di voi. Sappiamo cosa mangiate, dove abitate che abitudini avete. E come lo sappiamo noi, lo sanno anche le aziende del delivery. Queste piattaforme come sfruttano noi lavoratori senza farsi alcuno scrupolo, sfruttano anche voi, speculando e vendendo i vostri dati.

Queste sono minacce belle e buone, questo va ben oltre il loro lavoro, questo è grave, non se Fedez o Marracash hanno dato la mancia o meno, ma ovviamente questo non fa notizia. Mi stupisce che certe testate giornalistiche che hanno tutti i mezzi e l’autorità per verificare una notizia, non lo facciano e la riportino con tale superficialità causando l’effetto domino, o meglio l’effetto copia incolla. E mi stupisce che sia stato dato peso ai nomi presenti in quella blacklist e non alle parole BEN PIÙ GRAVI scritte sul quel post Facebook, ma il giornalismo in Italia è bello perché è avariato.

Please follow and like us:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: