L’egocentrismo imbarazzante di Lowlow

L’egocentrismo imbarazzante di Lowlow

Lowlow ospite a Hip Hop Tv da Max Brigante ha tenuto banco esaltando ogni sua qualità.

Ma partiamo dall’inizio. Si presenta a Max Brigante come se non si conoscessero, si esalta, si commuove, cambia tono di voce a seconda della domanda, più che un’intervista, é un monologo di Lowlow nel quale ci spiega quanto sia superiore a tutti.

Lowlow nell’ordine si proclama il miglior rapper italiano, l’unico che sa rappare, la persona che ha più cose da dire rispetto a tutti gli altri rapper in Italia e ovviamente gioca in serie A. L’umiltà non fa decisamente parte di lui, forse non sa che per giocare in serie A dovrebbe avere i numeri di Ghali, Sfera Ebbasta, Gué Pequeno, Fabri Fibra, mentre lui é sicuramente il miglior rapper di casa sua.

Poi arriva la lezione sul classismo. La domanda di Max Brigante che finalmente é riuscito a dire due parole, in merito alla discussione con gli Arcade Boyz. Loro, a detta di Lowlow, sono due rapper falliti, non sono al suo livello, non possono pertanto permettersi di parlare di rap e dovrebbero andare a fare il pane.

Ah, quindi per dire che la pasta di Cracco fa schifo, devo essere uno chef pluri stellato? Ma vai a cagare va! Non posso parlare di te, perché tu sei un artista e come tale superiore nella scala sociale? Ma dove siamo? All’epoca dei feudi medioevali?

Lowlow dovrebbe scendere da quel piedistallo e capire che le interviste non sono momenti in cui si può autocelebrare e autoproclare il re del mondo per autoconvincersi e soprattutto che le parole hanno un peso. Dare dei falliti ad altre persone o dire andate a fare il pane non é una battuta, ma un’affermazione grave, perché ci sono persone che tutte le mattine ci sono persone che si alzano alle 2 per andare a fare il pane, non é dispregiativo fare il pane e anche chi fa il pane può avere una cultura, anche musicale e esprimere un’opinione. Si é dimostrato un classista, arrogante e egocentrico. “Tu per ironizzare con me devi potertelo permettere” qui siamo a dei livelli di classismo e razzismo imbarazzante. Ha letteralmente insultato, non solo gli Arcade, ma anche il suo pubblico, ha insultato chiunque abbia un lavoro normale che lui definisce fallito X, che non può parlare di lui perché non é al suo livello. Peccato che tra quei falliti X, tra quelli che fanno il pane o spazzano per terra ci sono anche i genitori dei tuoi fan che fanno sacrifici per comprare ai propri figli il tuo disco. Uno così dovrebbe essere rinchiuso, altro che libertà di espressione, va censurato. La pochezza e l’ignoranza del genere umano in una sola persona. Max Brigante ha capito perfettamente l’andazzo del discorso e ha cercato di tagliare corto per impedirgli di dire altre cazzate nella sua trasmissione.

Prontamente poi é arrivata la risposta degli Arcade Boyz. Ma facciamo un passo indietro, nella ghost track del Bambino soldato, Lowlow dissa gli Arcade Boyz usando testuali parole “sconsolante da poppante studiavo i pezzi di noyz adesso parlano pure i maiali guarda gli Arcade Boyz. Fate le views caricando i miei freestyle da ragazzino in cui ero già il numero uno cazzo il king col pannolino”. Una cosa non mi é chiara di tutto il discorso di Lowlow: se parlano bene di lui, anche se non sono al suo livello, possono farlo, ma se criticano no? Dev’essere andato a scuola di giornalismo da Nerone “se parli malr di me sei un infame”. Ma soprattutto lui che é cosí in alto e superiore agli Arcade Boyz che dovrebbero andare a fare il pane perché si abbassa a dissarli?  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: