Mavi Phoenix ci racconta il suo ultimo singolo Romantic Mode

Mavi Phoenix ci racconta il suo ultimo singolo Romantic Mode

Producer, songwriter e performer, la 23enne Mavi ha ottenuto una lunga scia di consensi dopo la partecipazione ai principali festival estivi internazionali, tra cui The Great Escape, Primavera Sound, Roskilde e Melt! e dopo un tour in UK con Jimothy Lacoste. La sua capacità di mescolare i generi in una modalità atipica ha creato una connessione tra pop, hip hop ed elettronica, urban e sperimentazioni. Un tuffo in un mondo assolutamente particolare e unico, di cui ROMANTIC MODE rappresenta una perfetta sintesi.
I don’t wanna be labelled with a certain music genre, I can’t define it myself and I’ve been influenced by so many different worlds. I write and produce how I feel and what I enjoy listening to,” spiega Mavi.
Mavi è stata cresciuta da sua madre a Linz, una pittoresca città sul Danubio, nella parte nord dell’Austria. Lei e sua mamma erano un team molto forte, compatto. “In our house, music was definitely something that was sacred.” Che fossero i dischi di Cyndi Lauper o Madonna, David Bowie o Queen of the Stone Age, Justice e N*E*R*D*, la cosa importante è che la musica è sempre stata casa.
Come giovane donna LGBT cresciuta in un ambiente conservatore, Mavi sogna da sempre la fuga in un mondo in cui possa sentirsi libera e questo sentimento è evidente nei suoi brani, che possono essere allo stesso tempo la colonna sonora perfetta per un’anima introspettiva in continua ricerca ed evoluzione, ma anche per un raver dedito ai party notturni.

 

 

Quando hai iniziato a fare musica?

 

“All’epoca avevo 12 anni. È stato allora che ho iniziato a scrivere canzoni e ho fatto i primi passi sulla produzione. Da quel momento in poi non ho mai smesso di fare canzoni”.

 

Senti di rappresentare maggiormente la scena austriaca o quella internazionale?

 

“In questo momento più la scena austriaca, perché tutti parlano del fatto che io vengo da lì. Le persone non conoscono molti musicisti del mio paese, così gli organizzatori, i blog e le riviste amano indicarlo”.

 

La scelta di cantare in inglese e non in tedesco ti ha aiutata o penalizzata all’inizio?

 

“Da una parte sì e dall’altra no. Per me è sempre stata una cosa sicura cantare in inglese. Potevo a malapena parlare e capire la lingua inglese, ma volevo davvero cantare. Abbiamo avuto un po’ di entusiasmo qui in Austria e anche in Germania per le canzoni in tedesco, ma so che in molti concerti internazionali non avrei potuto suonare cantando in tedesco”.

 

Come riesci a far convivere pop, rap e songwriting nella tua musica?

 

“Non ci penso, sto solo facendo quello che mi sembra più giusto. Inoltre, non penso che mi avvantaggi. Alla gente piace davvero etichettare le cose come una cosa o l’altra”.

 

Da cosa trai ispirazione per i tuoi pezzi?

 

“Mi sento davvero come se fossimo tutti così profondamente connessi in un modo che nessuno di noi può capire. Mi fa impazzire. Ad esempio, tutto il mio modo di vedere il mondo è cambiato l’anno scorso e questo ha ispirato la mia nuova musica”.

 

L’ultimo singolo è Romantic Mode, come è nata questa traccia?

 

“Il mio produttore Alex The Flipper aveva questo beat che è diventato Romantic Mode, me lo ha spedito e ho capito subito che era qualcosa di speciale. Diverse melodie scatenano solo diversi stati d’animo per me. E questo tipo ha scatenato il mio lato romantico interiore, immagino”.

 

In Romantic Mode descrivi cosa provi quando ti innamori, sei innamorata?

 

“Si. Sì, lo sono!”

 

Trasmetti sempre i tuoi sentimenti e le tue emozioni in un modo molto semplice e diretto, in quale fase emotiva sei?

 

“Sì, è vero, non mi piace davvero parlare in modo difficile o criptico, anche se devo dire che nei miei nuovi lavori cerco sempre più di far leggere all’ascoltatore tra le righe. Ho alcuni argomenti difficili che tratterò nelle nuove canzoni, ma cerco di trattarli con semplicità, perché non voglio essere troppo sfacciata a riguardo”.

 

Quali sono i tuoi prossimi impegni live?

 

“Il prossimo è uno show televisivo in Austria dove celebro l’uscita di Romantic Mode con uno spettacolo. E poi l’estate del festival inizia con concerti in tutta Europa, e in Cina, a Pechino a maggio. Non vedo l’ora che tutto inizi ad essere onesta”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: