I segreti del Rap Game: Giaime il più sottovalutato

I segreti del Rap Game: Giaime il più sottovalutato

Giaime e Andry The Hitmaker sono una delle più potenti coppie della scena. A ogni loro singolo dimostrano tecnica, innovazione, sonorità e modo di approcciarsi al beat freschi, Giaime sa raccontare attraverso le rime in un modo che in pochi fanno. Eppure sono tra i meno cagati, spinti e supportati. Sono ben lontani dai personaggi droga, soldi e groupies, fanno musica e stanno dimostrando di saperla fare. Ogni singolo é un viaggio a parte nel quale le rime e le parole di Giame si sposano perfettamente con le basi di Andry The Hitmaker. A volte tocca argomenti cupi, malinconici come in ‘Regina e Re’ e ‘Cubetti di ghiaccio’, ma sa renderli leggeri, senza farla diventare un’autocommiserazione o un noioso asciugo di chi affligge l’ascoltatore con i propri drammi. ‘Sesso tutta la vita’ é una hit a tutti gli effetti, eppure non ha mai raggiunto i numeri di un Capo Plaza o uno Sfera.

Del singolo ‘New Coupe’ con A$ap TyY che è una vera bomba ne hanno parlato in tre, poi Sfera fa il featuring pagato con Quavo e neanche si contano gli articoli e i post.

Sembra sempre tutto ruotare intorno ai soliti tre nomi Sfera Ebbasta, Ghali, Capo Plaza, tralasciando Young Signorino. Questo perché generano like e views, perché chi ha i numeri e un seguito elevato e mi riferisco ai vari Sto Magazine e ai vari siti di settore, puntano i riflettori solo su chi gli fa comodo a discapito degli altri, perché degli altri se ne fregano. C’è anche da dire che Giaime non ha alle spalle un entourage potente dal punto di vista del marketing come quelli dei suoi colleghi sopra citati e che lui é ben lontano dall’essere un personaggio.

Ecco, oltre a non spingere la musica, ma solo i personaggi, questi ultimi hanno sempre la meglio sulla musica stessa e sul talento. Questo gioco di parlare e spingere sempre gli stessi nomi perché fa comodo va a discapito, non solo dell’informazione che dovrebbe essere equa, ma anche degli artisti. Per carità Giaime non ha bisogno di Sto Magazine per spiccare, lo farà e lo sta già facendo da solo a piccoli passi, ma una pagina come quella con un seguito di ben 214mila persone ha la responsabilità e il dovere di spingere tutti e essere imparziale e soprattutto di fare informazione corretta e sopra le parti. Purtroppo non accadrà mai. Anzi sarà sempre peggio. E lo stesso vale per tutti i siti che si limitano a scrivere é uscito il video di prodotto da o a copiare e incollare i famosi comunicati stampa.

A fare le spese di questi giochetti é solo e soltanto la musica e gli artisti che sanno farla.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: