Rondodasosa e Baby Gang hanno il divieto di accesso in qualsiasi locale milanese

Rondodasosa e Baby Gang hanno il divieto di accesso in qualsiasi locale milanese

Come riporta La Stampa, il questore di Milano, Giuseppe Petronzi, ha emesso un provvedimento restrittivo nei confronti di Baby Gang, Rondodasosa e altre quattro persone. Il provvedimento si chiama Daspo Willy ed è una Misura di Prevenzione personale atipica di competenza dell’Autorità provinciale di Pubblica Sicurezza, rientrante nella categoria dei “Divieti di accesso ad aree urbane” (denominati D.Ac.Ur), la cui disciplina è stata modificata nel dicembre 2020 all’indomani dei tragici fatti che portarono all’omicidio del ventiduenne Willy Monteiro.

In sostanza a Rondo, Baby Gang e alle altre quattro persone è vietato l’accesso per due anni nei locali di pubblico intrattenimento nel milanese e non potranno essere somministrate loro cibi e bevande di alcun tipo. Queste sei persone sono state anche denunciate per minaccia aggravata, percosse e danneggiamento tentato. Nello specifico, per Rondo è stato disposto un daspo di 2 anni nel Comune di Milano, e per Baby Gang un daspo della stessa durata per la città metropolitana di Milano. La violazione comporta una sanzione penale che prevede la reclusione da 6 mesi a 2 anni e la multa da 8mila a 20mila euro.

Come faranno a continuare la loro carriera artistica resta un mistero, dal momento che questa misura di sicurezza vieta loro l’ingresso in ogni locale del milanese. Verosimilmente dovranno organizzare i loro live e djset in altre province italiane.

Comunque la misura è una conseguenza di quanto accaduto il 12 luglio scorso davanti alla discoteca Old Fashion di Milano, quando Rondo, Baby Gang e altri quattro ragazzi, dopo essere stati respinti all’ingresso del locale, hanno, prima minacciato gli addetti alla sicurezza, poi avuto una rissa con altre persone e infine lanciato sassi contro l’ingresso. Per intenderci è la sera in cui hanno preso a sassate Laioung.

Secondo quanto riferito dalla polizia, alle 3:20 di quella notte, Rondo si è presentato al locale, ma gli è stato vietato l’ingresso a causa di altri disordini di cui si era reso protagonista in passato, come istigazione a delinquere, lesioni personali, rissa, danneggiamento aggravato, appropriazione indebita, oltraggio ad un corpo politico, amministrativo o giudiziario, lesioni personali, minaccia e furto.

Quindi, Rondo, dopo essere stato respinto all’entrata del locale, ha chiesto l’intervento di Baby Gang, e li è scoppiato il caos. Va detto che Baby Gang vanta precedenti penali e di polizia per istigazione a delinquere, porto abusivo di armi, porto di armi e oggetti atti ad offendere, vilipendio della Repubblica, rapina, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, furto aggravato, violazione di obblighi inerenti a misure di prevenzione. Non solo, risulta anche essere destinatario di un avviso orale del rimpatrio con foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Milano per 3 anni a partire dal 16 aprile scorso.

Un altro avvenimento che ha poi fatto propendere il questore di Milano per il Daspo Willy riguarda quanto accaduto il 10 aprile scorso, quando Baby Gang è stato tra i protagonisti degli incidenti avvenuti con la polizia a San Siro, dove 300 ragazzi si erano ritrovati per girare il video di Neima Ezza in completa violazione delle norme anti assembramento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: