Justin Bieber ha chiesto ai suoi fan di mettere in ripetizione Yummy durante la notte per aumentare gli streaming?

Justin Bieber ha chiesto ai suoi fan di mettere in ripetizione Yummy durante la notte per aumentare gli streaming?

Non è un segreto che gli appassionati di musica si uniscano sui social media quando il loro artista preferito pubblica nuovo materiale. Elencano le strategie su come eseguire lo streaming in modo ripetuto e acquistare le canzoni più volte senza essere sgamati, nella speranza di spingere le tracce verso l’alto nelle classifiche e alla radio. Ma raramente l’artista incoraggia queste pratiche stesse. Ieri notte, diverse persone hanno notato che Justin Bieber ha ripubblicato una guida sul suo profilo Instagram che spiegava nel dettaglio come manipolare le varie piattaforme di streaming per potenziare il suo nuovo singolo Yummy.

 

 

EN5BbhqX0AoQEaI.0.jpg

 

 

Non è chiaro se il post sia stato creato dallo stesso Bieber o da qualcuno del suo team, ma dopo un po’ è stato rimosso.

Il post originale è stato invece pubblicato ieri dall’account della fanpage di Bieber Outlyning con la didascalia: “Justin vuole davvero quel numero 1 e ne è davvero entusiasta, come ha detto ieri durante la sua dieretta streaming“.
Tra i suggerimenti elencati c’erano:

– crea una playlist Spotify con Yummy e lasciala riprodurre ripetutamente mentre dormi

– acquista il brano su iTunes e più volte sul sito web di Bieber e collegalo al video di YouTube invece di ripubblicarlo
– utilizza una VPN per lo streaming se non sei negli Stati Uniti, poiché i grafici di Billboard contano solo i flussi contrassegnati come provenienti da un indirizzo IP degli Stati Uniti.

 
L’idea è che se un numero sufficiente di fan lo fa contemporaneamente, l’attività concentrata potrebbe aiutare Yummy a raggiungere le classifiche di Billboard e posizionarsi nelle prime posizioni. Questo tipo di campagne da parte dei fan per manipolare il conteggio degli streaming sono molto comuni.

 

Non è noto, però, quale impatto abbiano effettivamente queste azioni sulla posizione della classifica di una canzone, ma è probabile che si verifichi un calo. Le canzoni che finiscono al numero uno di Billboard ricevono decine di milioni di ascolti la settimana in cui vengono pubblicate, quindi ci vorrebbe uno sforzo concertato da migliaia di fan per far sì che un brano arrivi a quel determinato risultato.
Nel 2017, un rappresentante PR di Nielsen, che calcola i numeri per i grafici di Billboard, ha dichiarato a The Verge che “Nielsen e i suoi fornitori di dati hanno messo in atto meccanismi per proteggere da questo tipo di attività“, ma non ha chiarito ulteriormente. Le etichette e gli artisti stessi si impegnano in vari modi per cercare di ottenere posizioni in classifica, come EP più brevi che incoraggiano l’ascolto ripetuto e il “raggruppamento”, in cui un album viene distribuito gratuitamente quando viene acquistato qualcosa come un biglietto per un concerto. Ma la manipolazione del flusso è universalmente disapprovata da etichette, servizi di streaming ed editori. All’inizio di quest’anno, una coalizione di settore, che comprendeva tutte e tre le principali etichette discografiche, ha sostenuto un’iniziativa mirata a pratiche di streaming fasulle.

 

Ma su Twitter c’è chi, abilmente e in poche parole, fa un perfetto parallelismo tra Bieber e i rapper che usano i Bot su Spotify. 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: