Massimo Pericolo ha scritto un libro

Massimo Pericolo ha scritto un libro

Potrei dire che oggi chiunque con minimo di successo e un bel po’ di followers su Instagram può scrivere un libro, vederlo pubblicato, promosso e persino venderlo. Una sorta di miraggio per molti scrittori, veri scrittori intendo. E così sulla scia dei rapper che scrivono libri dopo appena due anni di carriera, Massimo Pericolo ha scritto un libro.

Scritto credo sia un parolone, dal momento che di solito a scrivere, editare, modificare, insomma a fare il lavoro sporco sono gli altri. Ma Massimo Pericolo, al di là della sua carriera artistica, che in pochissimi anni lo ha portato a un successo più che meritato, e a differenza di tanti colleghi che hanno “scritto” un libro, ha una storia da raccontare. Un passato, un vissuto intenso, che conosciamo attraverso le sue canzoni e che nel libro Il signore del bosco potremo comprendere e conoscere meglio.

L’infanzia difficile, sballottato come un pacco tra la provincia di Varese, Treviso e la Sicilia. La scoperta della letteratura, delle arti marziali, della filosofia orientale. Gli amici, il carcere, l’amore. La musica, il successo, con singoli come 7 miliardi, Polo Nord e tanti altri. E soprattutto, ad abbracciare tutto, la provincia come scelta di vita, come culla di contraddizioni – il lago, i “fantaboschi” che possono essere luoghi da cartolina oppure tetri e minacciosi.
Il signore del bosco è il racconto duro, sincero fino al sangue, per parole e immagini, di uno degli artisti più interessanti e complessi della scena rap italiana.

«Per me è essenziale raccontare quello che conosco: la conoscenza è esperienza, significa che in un processo creativo non è coinvolta solo la mente, la rappresentazione, ma tutta la dimensione sensibile dell’esistenza di un individuo. La musica non può essere esclusivamente citazionista altrimenti non è sapere, non è riflessione, non è cura, forse è fuga dalla realtà, l’esatto contrario di ciò di cui io ho bisogno per vivere.» – Massimo Pericolo

Il primo libro di Massimo Pericolo, edito da Rizzoli, uscirà il 31 agosto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: