Cary Grant è tornato, assomiglia a Rock Hudson, si comporta come Richard Gere e si chiama Luciano Punzo

Cary Grant è tornato, assomiglia a Rock Hudson, si comporta come Richard Gere e si chiama Luciano Punzo

Cary Grant è tornato, assomiglia a Rock Hudson, si comporta come Richard Gere e si chiama Luciano Punzo. Napoletano, 26 anni, una figlia di 3, professione modello, guaglione di Pechino Express, tentatore di Temptation Island e fra poco, se gli americani lo scopriranno, attore di Hollywood. Di sicuro non si fermerà al reality di Canale 5 dove ha catalizzato l’attenzione, emergendo tra gli altri single come il dio del mare che esce dalle acque.
Luciano, Lu per la (neo) fidanzata Manuela, strappata all’ultima puntata all'(ex) fidanzato Stefano che l’aveva fatta soffrire, è il consolatore che tutte le donne innamorate dell’uomo sbagliato dovrebbero avere pronto nell’armadio.
Alto, atletico, spalle larghe, gambe lunghe, mani splendide, capelli nerissimi e denti bianchissimi. Potrebbe fare lo sciupafemmine, e le femmine gliene sarebbero anche grate. Invece le salva. E le convince che meritano di più e di meglio, anche quando sono testarde come Manuela, disperatamente aggrappate a un uomo di cui continuano a parlare malissimo, ma dal quale in realtà non hanno alcuna intenzione di separarsi.
Per tutto il reality è andata esattamente così. Manuela ha parlato male ogni secondo del fidanzato Stefano, separato e alloggiato con gli altri fidanzati nel villaggio delle single per 21 giorni come prevede il programma. Luciano ha tentato in tutti i modi di convincerla che Stefano non faceva più per lei, in apparenza senza successo.
Più provava a consolarla, più faceva conquiste tra le spettatrici che a fine puntata invadevano il web di meme con le sue frasi motivazionali: “Guardati, basta piangere, perchè vuoi stare così, o dentro o fuori, destra o sinistra, io ti voglio felice, io non ti farei mai del male, pensa a te, non a lui”. Ma lei non cedeva.
Nonostante avesse davanti uno di quegli uomini che non devono chiedere mai perchè tanto sono già richiesti di loro, restava aggrappata ai mille perchè che ogni relazione fallita si porta dietro. “Ma perchè pensa solo a se stesso? Ma perchè si fa toccare da lei e non da me? Ma perchè io l’ho amato tantissimo e lui mi ha tradito?”. “Perchè è destino”, ha sbottato Luciano all’ultima puntata, mettendo a segno il gol definitivo per le ragazze a casa, ma ancora non sufficiente per far breccia in lei che, ostinata, ha continuato a rifiutare i suoi baci.
Era tra le braccia di un ragazzo bellissimo, con la pelle profumata, come gli aveva anche appena detto, a un centimetro dalle sue labbra carnose che aspettavano solo un suo bacio e lei niente, frenava. Ora, ci sarà anche un copione a Temptation Island, ma per resistere cosi a lungo dev’essere destinata a diventare una grande attrice anche lei. Sembrava avvolta nel filo spinato, che poi era l’effetto che le faceva il pensiero del quasi ex.
Tu sei bellissimo, ma io non mi fido“, ripeteva tra le lacrime. Quando ormai tutte le spettattrici a casa erano pronte a trovarsi un fidanzato finto per andare a Temptation Island a dare un bacio vero a Luciano, Manuela ha ceduto. E si è lasciata baciare, neanche fosse la cosa più difficile del mondo.
Ed stato come vedere Cary Grant e Rock Hudson e Richard Gere nelle commedie più famose, perchè quello fanno gli attori affascinanti. Ti fanno venire voglia di entrare nello schermo per portarteli a casa, e questo ha fatto Luciano, ha tenuto milioni di persone appese alle sue labbra. E a film finito, ha pure mantenuto la promessa. Ama Manuela anche fuori dal realiy, e forse la ama proprio perchè lei è cosi, non si sente come una che ha vinto alla lotteria di Capodanno a trovare un ragazzo del genere.
Così lui dovrà passare il tempo a convincerla che la ama davvero e lei avrà una vita bellissima.

Anna Savini – giornalista de La Provincia, autrice di Buone ragioni per restare in vita (Mondadori) e Sclera Ebbasta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: