Quando Jim Morrison ha mostrato i genitali sul palco e altri eccessi del leader dei Doors

Quando Jim Morrison ha mostrato i genitali sul palco e altri eccessi del leader dei Doors

Jim Morrison, una delle più grandi icone della storia del rock. Una vita sempre al limite, tra eccessi, ribellioni, abuso di alcol e droga. Immagina essere i componenti dei Doors e non sapere cos’avrebbe fatto il tuo frontman sul palco, se per una volta sarebbe filato tutto liscio, oppure se ancora una volta ci sarebbe stata una rivolta, un locale distrutto, l’arrivo della polizia, un arresto.

Non a caso Jim Morrison è stato il primo artista ad essere stato arrestato sul palco. È 1967, dopo essersi azzuffato con un poliziotto che aveva sorpreso il cantante a fare sesso con una ragazza nel bagno del backstage, Morrison sale sul palco e racconta l’accaduto al microfono ed è subito arrestato per atti osceni in luogo pubblico. Questo è stato il primo dei 6 arresti a Jim Morrison.

L’angelo ribelle, il poeta prestato al rock, il re lucertola, Jim Morrison è stato definito in tanti modi e aveva indubbiamente due anime: una che lo portava ad eccedere e una che lo rendeva in grado di scrivere versi poetici.

Ma, se c’era una cosa che proprio non sapeva fare, era quella di stare alle regole. Durante un’intervista del 1967 al The Ed Sullivan Show, il conduttore chiede a Jim di evitare le parole “much higher” in riferimento alle droghe e prontamente, Morrison disobbedisce in modo provocatorio, pronunciando la parola in modo ancor più forte, direttamente davanti alla telecamera.

Durante un concerto a Miami, Jim aveva bevuto talmente tanto che, quando la band ha iniziato a suonare, lui era a bordo del palco che chiedeva da bere al suo pubblico e non si era neanche accorto che doveva iniziare a cantare.

Ma quella non è stata l’unica follia sul palco di Miami. Durante l’esecuzione di Light My Fire, Morrison si è abbassato la zip dei pantaloni mostrando le proprie parti intime al pubblico. È stato arrestato per atti osceni in luogo pubblico.

Quando si parla di rock e di rockstar si dice sesso, droga e rock ‘n roll. Jim Morrison, ovviamente, incarnava tutto questo all’estrema potenza. Nonostante avesse una compagna, Pamela, che gli è rimasta accanto fino alla fine, ha avuto tantissime donne e tante di loro hanno sostenuto negli anni che lui fosse il padre dei loro figli.

Con Pamela c’è un aneddoto che ha fatto la storia. Si dice che durante la registrazione di You’re Lost, Little Girl, Jim non riuscisse a trovare il giusto timbro di voce, e che, per risolvere il problema, Pamela entrò con lui nella cabina di registrazione e cominciò a praticare del sesso orale mentre che Jim registrava.

La vita di Jim Morrison è stata talmente piena di eccessi e follie, che la sua morte è stata una delle pagine più tristi della storia del rock.

Il 3 luglio 1971 è stato trovato morto nella vasca da bagno nella sua casa di Parigi. Ancora oggi non si sa se sia stato un attacco cardiaco o overdose, ma la sua tomba resta il quarto luogo più visitato è importante di Parigi, dopo la Tour Eiffel, la cattedrale di Notre Dam e il Louvre.

Come ogni leggenda della musica, anche su Jim Morrison vige la teoria che lo vuole ancora in vita. Alcuni pensano che la sua morte sia stata solo una messa in scena per sfuggire alla CIA, che in quel periodo sarebbe stata incaricata di far fuori tutti i personaggi controversi del mondo dello spettacolo e i simboli della cosiddetta controcultura.

Jim Morrison, come Paul McCartney, Michael Jackson, Tupac, sarebbe vivo in qualche isola sperduta nel mondo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: