Blitz 2 è la solita roba alla Baby Gang, solo che questa volta con lui c’è Sofiane

Blitz 2 è la solita roba alla Baby Gang, solo che questa volta con lui c’è Sofiane

Baby Gang collabora con Sofiane, uno degli artisti di punta del rap francese, nel nuovo singolo Blitz 2.
Sofiane ha spesso mostrato apprezzamenti nei confronti di Baby Gang e la collaborazione sembra essere nata da una vera stima reciproca. Sicuramente, a differenza di molte collaborazioni con artisti internazionali, Sofiane è presente nel video di Blitz 2 e non è cosa da poco.
Questo featuring segna una sorta di rivalsa per Baby Gang che all’interno della scena italiana non è molto supportato né spinto, ma siamo ai soliti tre concetti.
Praticamente Baby Gang vuole fare quello che una volta era chiamato street rap senza dire un cazzo. Perché oggettivamente non dice un cazzo.
Sono ritornato figli di puttana
Sono ritornato, sì, peggio di prima
Qualcuno ha problemi, non sporco le mani
Ora sono un rapper, ci pensa my nigga
My nigga, my nigga, ho dietro una clicca
Italia e Francia, fanculo America
Le banlieu, la mafia, Europa carica
La scena scopata da tutta l’Africa
Gang, Scooby-Doo, pow-pow
Tu bla’, bla’, troppo fra’
Abracadabra, tuta fra’ rubata“. Questa è la strofa di Baby Gang. E ok, non dobbiamo aspettarci né cercare il TESTO, perché sappiamo di non trovarlo e al contrario di trovare parole a caso. Non ci aspettiamo neanche le rime, quelle le abbiamo accantonate da tempo, a meno che carica Africa non valga come rima. Allora cosa ci resta? Un flow copiato, un’attitudine già vista e rivista e che non ti fa neanche più dire wow, ma solo uff, un video con la solita gang alle spalle e la solita strada che ormai fanno tutti e che almeno Marracash 13 anni fa aveva fatto con innovazione portando gli elefanti in quartiere. Qui invece, a parte la strofa di Sofiane che spacca, non c’è niente di nuovo. Niente degno di nota. Eppure piace. Baby Gang macina streams e visualizzazioni, ma non sta facendo niente che sia innovativo, nuovo, o artisticamente rilevante e curato.

Il singolo, se lo paragoniamo al freestyle di Rondodasosa Show no love, è anche piacevole all’ascolto, ma del resto ci vuole poco a essere un gradino sopra a quella roba, ma non è niente degno di nota.
Almeno per me, perché Lacrim, che non è l’ultimo arrivato, ha apprezzato il singolo, eppure io trovo Baby Gang estremamente ripetitivo nel flow e nei suoi tre concetti al punto che diventa noioso. E trovo anche che vuole portare un immaginario serio, che verosimilmente lo rappresenta, ma senza supportarlo da parole e flow di spessore.
Solo strada, gang e nient’altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: