Shiva ha copiato il merch da Lil Mosey?

Shiva ha copiato il merch da Lil Mosey?

Apprendo la notizia dalla pagina Instagram 222store, dó uno sguardo al merchandising di Lil Mosey del 2018 relativo al World Domination Tour e a quello di Shiva, Santana, del 2019 e penso oh shit sono uguali.

Come abbiamo fatto a non accorgercene prima? È questa la domanda che forse dovremmo porci, ancora di più del chiederci se Shiva abbia o meno preso il cosiddetto spunto da Lil Mosey.

Sappiamo benissimo che questa non è la prima volta e che non sarà l’ultima che assistiamo a un plagio, a un’ispirazione, o a un copia incolla. Che sia l’artwork di un disco, il flow di un brano, l’idea di un videoclip, un beat, o il merchandising, quante ne abbiamo viste in questi anni? Ed è forse sintomatico il fatto che questa cosa sia uscita proprio ora, nei giorni in cui si discute sulla poca originalità del rap italiano e sul fatto che non venga preso in considerazione all’estero. E ci credo, se oltre al resto, attitudine compresa, gli copiamo pure il merc, come possiamo essere presi sul serio? Ovviamente sto generalizzando e so bene che non tutti sono così, che anche noi abbiamo artisti, producer, grafici, registi e videomaker originali e che farebbero letteralmente invidia a quelli esteri. Ma a fronte di questi talenti, abbiamo tante, troppe copie.

In questa storia devo dire tanto di cappello a Shiva e al suo team, che ce l’hanno fatta sotto al naso per quasi due anni. E a questo punto la domanda sorge spontanea: quanti altri ce ne saranno di cui non ci siamo accorti?

Viene anche da pensare che, non solo l’originalità e la creatività sono morte in molti casi, ma anche che ci sono grafici che vengono pagati per proporre un qualcosa di già fatto da altri ed è davvero imbarazzante.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: