La parola del mese di maggio è FASE 2

La parola del mese di maggio è FASE 2

Tra emozione e incertezza ci siamo lasciati il lockdown alle spalle e siamo entrati nella Fase 2. Cosa possiamo fare ora? Possiamo vedere i congiunti, gli affini e infine anche gli amici, ma come sarà la nostra vita ora? Come andremo a fare shopping? Come sarà andare al ristorante? Come faremo a provare vestiti e scarpe? E il cinema? Il teatro? I concerti? Le discoteche? Quante domande ci siamo fatti….

 

E mentre negli USA ha preso banco un’iniziativa balzana, i Covid Party, frequentati da persone che consapevolmente volevano ammalarsi, c’è stato un ritorno dei drive-in. Via libera quindi a concerti, dj set e film in stile drive-in, iniziativa che ha spopolato in Germania e in altri Paesi europei, ma non ancora in Italia. In Olanda, ad Amsterdam, sono diventate popolari le cene in serra.

 

 

unknown-71-1

 

 

C’è chi ha inventato una mascherina per bere, chi una tuta per andare a ballare e chi i capi antivirus.

 

 

 

 

La brutta notizia, che tanto temevamo è che concerti e i festival li rivedremo nel 2021, c’è chi, come il governatore della Puglia sta pensando a come poter riaprire le discoteche con mascherine e distanziamento sociale e intanto da mercoledì 3 giugno riapriranno i confini tra le regioni, le palestre e le piscine. Come sarà andare al mare quest’estate? Che estate ci aspetta senza discoteche, concerti e serate? 

 

È un momento pieno di incertezze, ma che ci sta insegnando a non dare niente per scontato e ad apprezzare tutto quello che facciamo. Fase 2 a parte, maggio è stato anche il mese di The Last Dance, la docu-serie di Netflix su Michael Jordan che è stata la serie più vista su Netflix Italia e ha riportato il campione in auge in tutto il mondo, con nuove collezioni a lui dedicate, gadget e record di vendita delle Air Jordan 1 indossate dal campione a 560 mila dollari.

 

 

20200519_144137

 

 

E mentre Drake dorme su un materasso da 590 mila dollari, Post Malone ha lanciato il suo vino rosé, che ha un prezzo decisamente più accessibile di 20€ a bottiglia.

 

 

View this post on Instagram

@maison9wine 💕

A post shared by @ postmalone on

 

 

6ix9ine ha pubblicato il suo primo singolo dopo la scarcerazione e ha litigato con tutti: 50 Cent, Snoop Dogg, Justin Bieber, Ariana Grande e Bilboard. Di coraggio ne ha da vendere. Accusare Snoop Dogg di essere stato uno snitch e Bilboard di falsificare la classifica non è di certo da tutti. Ma da re degli snitch, 6ix9ine è stato snitchato per ben due volte da alcuni fan che hanno rivelato sui social il suo indirizzo costringendolo a trovare un’abitazione più sicura.

 

 

 

 

E in Italia?

 

Traffik è stato rilasciato e a quanto pare è entrato nella 777 Ent. Young Signorino fa parte della RRR Records. Highsnob ha firmato con Sony e Samuel Heron è tornato con un nuovo singolo e un nuovo nome: Samuel Costa e fa musica indie.

 

Fedez ha pubblicato un singolo che ha stupito tutti e, stranamente, ha ricevuto più consensi che critiche. La Dark Polo Gang ha pubblicato un Mixtape, Dark Boys Club, Drefgold un disco e mentre Tedua dice basta alla musica trash e senza contenuti, collabora in entrambi i dischi. Abbiamo avuto ben due remix di Bando, uno con Gemitaiz e Madman e l’altro con Maxwell, speriamo che siano gli ultimi e di non dover più sentire “ci beccavamo nel bando sopra al booster“.

 

Ghali non vuole essere chiamato dai colleghi solo per fare hit commerciali, ma i suoi ultimi due singoli sono con Anna e Taxi B. La coerenza è ancora in lockdown?

 

 

 

 

Emis Killa è sempre il re di Twitter con una bella polemica scatenata dalle femministe che vogliono sentirsi libere di non depilarsi.

 

L’impressione è che Tik Tok non porti più traffico a Spotify, che alcuni artisti siano talmente annoiati da usare i social per mostrarsi mentre mangiano, cucinano, fanno palestra, ammiccano o sparano frasi ad effetto per far parlare di sé, perché o la loro musica non è sufficiente o non stanno producendo musica e quindi anche fare l’opinionista barra influencer va bene per non farsi dimenticare.

 

Ho personalmente notato un grande calo di Anna, che, diciamocelo, ha 16 anni ed è nella merda. Il featuring con la DPG è non pervenuto, quello con Ghali idem, resta solo Bando. Come farà Anna a superare Bando? Un’exploit del genere a soli 16 anni è un’arma a doppio taglio che potrebbe far di Anna una meteora.

 

Maggio si è concluso con la morte di George Floyd Floyd,  brutalmente ucciso dalla polizia e grandi rivoluzioni e sommosse in tutti gli Stati Uniti. 

 

 

images

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: