I gossip della settimana

I gossip della settimana

I pochi gossip di questa settimana si possono riassumere con due parole: social dissing.

 

Ebbene sì, Social Boom ha accusato Laioung di aver violato la quarantena ed essere andato in studio con Ski e Wok, lui ribatte ricordando a tutti che Social Boom ha finto di violare la zona rossa di Codogno per fare un video: “Ti ricordo che sei l’ultima persona che può accusare in questa situazione, sei in attesa di giudizio dal tribunale di Lodi e rischi fino a tre anni di carcere per aver messo in piedi un teatrino che poteva genere emulazione da parte di tanti giovani a causa delle tue bugie”.

 

 

View this post on Instagram

Social Boom, ovvero colui che ha a suo carico una denuncia per aver finto di entrare nell’ex zona rossa di Codogno, ha accusato @laioung di essere uscito di casa senza un comprovato motivo.? Nel video pubblicato su YouTube, Social Boom mostra alcune storie di Laioung che, prima esorta i suoi fan ad essere positivi e a focalizzarsi su se stessi in questo periodo di isolamento forzato, e poi viene rpreso in studio di registrazione con Ski e Wok.? La replica di Laioung sembra mettere a tacere il canale di gossip che anche questa volta avrebbe fornito una notizia falsa. [Articolo completo su www.rebelmag.it] ? ? ? ? ? Be you, be R.E.B.E.L.? #rap #rapitaliano #trap #hiphop #life #rapper #trapper #laioung #gossip #coronavirus #quarantena #news #blog #blogger #bloggergirl #rebelmag #rebelmagvideo #rebel

A post shared by R.E.B.E.L. (@rebel_mag) on

 

 

Sapo Bully ha dato del 40enne sfigato a Gemitaiz, Don Joe se l’è presa con il famoso nemico immaginario, che in questo caso sono i rapperini che fingono di avercela fatta con la musica ma in realtà vivono ancora a casa con i genitori che li sovvenzionano.

 

 

View this post on Instagram

Facciamo un gioco: vivo a casa dei miei in un bel quartiere di Milano, o Roms se vuoi, la mia famiglia è benestante, ho frequentato una buona scuola, posso permettermi di fare musica sostentato dai miei genitori, che mi hanno pagato lo studio di registrazione in casa, non ho spese, se non per comprarmi vestiti firmati da esibire sui social in modo da crearmi un personaggio. Devo crearmi un personaggio, devo vestire in un determinato modo, farmi i capelli in un determinato modo, poi devo far finta di essere cresciuto per strada, di venire dalla strada, di essere un gangster alla Eazy-E, anche se non ho mai ascoltato neanche mezza canzone di Eazy-E. Quindi mi metto su Instagram, dico frasi senza senso, invento qualche parola, faccio qualche canzone emulando i trapper americani, mostro qualche gioiello che mi hanno comprato i miei o che ho noleggiato per l’occasione, mi tatuo in faccia per far credere che vivo solo di musica, che non ho un’opzione B, mostro un po’ di banconote alla Post Malone e faccio credere a tutti di avercela fatta con la musica.? È importante dimostrare di avercela fatta con la musica, è importante da sempre ostentare gioielli, macchine lussuose, orologi, soldi, l’hanno fatto tutti da Tupac a Sfera Ebbasta per dire. È lo status del rapper che dal nulla arriva ad avere tutto grazie alla sua musica. Una sorta di Cenerentola versione rap edition. Un conto però è avercela fatta davvero, un altro è fingere di avercela fatta.? E qui casca l’asino. Su Instagram puoi fingere di essere chi vuoi, puoi far credere di essere chi non sei, puoi addirittura far credere di avercela fatta con la musica anche se a pagare le bollette e i vestiti sono i tuoi genitori. E ma così è scorretto… Sì lo è. È abbastanza fake, un po’ come i numeri di alcuni artisti. Da fuori puoi vendere la tua favoletta, ma chi è dentro sa bene cosa è vero e cosa no, o meglio, chi è vero e chi no. È un po’ questo il discorso che ha fatto Don Joe ieri nelle sue Instagram stories. [Articolo completo su www.rebelmag.it] ? ? ? ? Be you, be R.E.B.E.L.? #rap #rapitaliano #trap #hiphop #life #rapper #trapper #music #life #fake #donjoe #blog #blogger #bloggergirl #rebelmag #rebel

A post shared by R.E.B.E.L. (@rebel_mag) on

 

 

Non è immaginario invece il nemico di Salmo, che ha preso in giro la proposta di Matteo Salvini di aprire le chiese e celebrare le funzioni pasquali. Anche il nemico di Lazza non è immaginario, si chiama Fedez, reo questa volta di aver copiato il flow di Lazza usato nel brano OKAY!? tratto da GarbAge, l’ultimo disco di Nitro.

 

 

View this post on Instagram

Era presumibile che, una volta uscito un nuovo brano di Fedez, qualcuno avrebbe subito sfruttato l’occasione per puntargli il dito contro e accusarlo di qualcosa. Poco importa che il brano in questione, ovvero Le feste di Pablo, sia il remix di un singolo già uscito il 13 marzo della giovane cantautrice Cara.? ? Ieri sera Lazza ha accusato Fedez di aver “scavallato” il brano OKAY?! di Nitro feat. Lazza appunto e contenuto in GarbAge e di avergli copiato il flow.? ? ? “Vabbè dai, guarda il lato positivo, sarà la prima volta che ti esce una canzone decente. Come fai a copiare il flow di Zzala ma daiiiii” ha aggiunto Lazza sempre via Instagram stories rivolgendosi chiaramente a Fedez, nonostante non abbia fatto né nomi né cognomi.? ? Per dovere di cronaca c’è da sottolineare il fatto che GarbAge di Nitro è uscito il 6 marzo, Le feste di Pablo di Cara il 13 marzo, esattamente una settimana dopo, è quindi impossibile che la cantautrice e il suo team abbiano sentito OKAY?! di Nitro e cambiato il ritmo del brano per plagiarlo. Inoltre Fedez e Cara si sono incontrati in studio mesi prima, a giugno 2019, quando Cara stava registrando Le feste di Pablo, mesi prima appunto che uscisse GarbAge di Nitro e il singolo OKAY?! con Lazza.? ? Perché quindi Lazza accusa Fedez di plagio? Perché ha aspettato che uscisse la versione di Le feste di Pablo con Fedez per parlare e non l’ha detto quando è uscito il singolo originale? ? Fedez ha copiato il flow di Lazza? [Articolo completo su www.rebelmag.it]? ? ? ? Be you, be R.E.B.E.L.? #rap #rapitaliano #trap #hiphop #life #rapper #news #plagio #lazza #nitro #okay #fedez #cara #music #blog #blogger #bloggergirl #rebelmag #rebelmagvideo #rebel

A post shared by R.E.B.E.L. (@rebel_mag) on

 

 

Anche Murubutu deve avere qualche nemico, visto che gli hanno hackerato il profilo Instagram. 6ix9ine invece di nemici se ne è fatti parecchi, ma forse non se n’è accorto dal momento che è tornato su Instagram con un quesito: perché tutti mi chiamano snitch?

 

 

View this post on Instagram

6ix9ine ha cambiato la sua immagine del profilo su Instagram con una che rappresenta se stesso seduto su una trappola per topi, mentre sorride e mangia formaggio. Mercoledì sera (8 aprile) ha anche aggiornato la sua biografia “Perché tutti mi chiamano snitch? Mi sono perso qualcosa …?” Pubblicando la nuova immagine e aggiornando la sua biografia, il rapper si appoggia completamente alle accuse di essere un infame che gli sono state mosse da quando è stato arrestato e ha deciso di collaborare con la giustizia.? ? Ma non è tutto. Stanno facendo infatti parecchio discutere le dichiarazioni di 50 Cent che ha pubblicamente dichiarato di preferire 6ix9ine come figlio rispetto al suo primogenito. [Articolo completo su www.rebelmag.it] ? ? ? ? Be you, be R.E.B.E.L.? #rap #rapitaliano #trap #hiphop #life #news #rapper #trapper #6ix9ine #50cent #snitch #rat #instagram #blog #blogger #bloggergirl #rebelmag #rebel

A post shared by R.E.B.E.L. (@rebel_mag) on

 

 

Mentre Massimo Pericolo si è preso una piccola rivincita dal momento che in quarantena ognuno di noi sta iniziando a capire cosa siano gli arresti domiciliari, oltreoceano Lil Pump passa il tempo facendo bere pipì a un fan in diretta Instagram.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: