Perché Marracash ha cantato al raduno delle sardine?

Perché Marracash ha cantato al raduno delle sardine?

Ci vado perché boh, mi va di farlo” si conclude così il discorso di Marracash sulla sua partecipazione al raduno delle sardine tenutosi ieri a Bologna.

Proprio mentre era sul treno diretto verso la Dotta, Marra ha spiegato con una serie di Instagram stories il motivo della sua partecipazione. Non si è mai schierato in modo aperto politicamente, è facile intuire una sua preferenza verso il centrosinistra, ma sicuramente non è un supporter di Salvini, tant’è che proprio in Quelli che non pensano dice “il sonno della ragione vota Lega“. Ma allora perché cantare al raduno delle sardine?

 

Ecco le parole di Marra:

Sto andando a Bologna al concertone in piazza per le sardine, quindi ne approfitto per spiegare un po’ tutta questa vicenda.

Dunque, come sapete non ho mai preso apertamente una posizione politica e non ho intenzione di cominciare a farlo adesso… Quello che invece ho intenzione di fare è appoggiare un movimento che semplicemente scende in piazza a far sentire la propria voce, cosa che mi sembra, alla fine, abbastanza normale, e che si verifica in ogni parte del mondo, senza che ne venga fatta una battaglia a squadre, senza che tutto ciò venga strumentalizzato per un partito o per un altro.

Comunque viviamo in un periodo strano, molto politically correct, dove non si può dire nulla, un po’ tutti hanno paura a dire la propria opinione, anche se magari stanno lì a scriverla sui social network, a fare opinionismo da casa loro. Poi quando si tratta di farsi sentire, di fare qualcosa nel mondo reale, alla fine stanno tutti a casa. Io alla fine ho detto delle cose nel disco e mi va di andarle a dire in questa manifestazione, che comunque è una manifestazione culturale.
Non prendo cachet, contrariamente a quello che ho letto da qualche parte, ci vado perché, boh, mi va di farlo“.

 

Sicuramente Marra appoggia questo movimento, o quantomeno gli suscita simpatia e ammirazione, e altrettanto sicuramente è giusto che un esponente di rap presti la sua voce e la sua immagine anche in politica. Meglio vedere Marra al raduno delle sardine, che sentire Gemitaiz inneggiare contro Salvini su Instagram e non dire una parola nelle sue canzoni o non esporsi di persona. Il rap è anche questo. Non mostrare solamente gioielli, abiti firmati e culo dell’ultima fidanzata. Ma non possiamo escludere la componente promo. Marra è fuori con il disco e nonostante le vendite e le classifiche dimostrino che stia andando alla grande, fa sempre bene mostrarsi in contesti diversi, mettersi in gioco e far seguire alle parole dette nel disco dei fatti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: