I gossip della settimana

I gossip della settimana

Questa settimana è stato creato un gossip nel gossip. Dopo l’intervista di Fedez a La Confessione, molti siti e giornali hanno parlato della sua rottura con J-Ax e Rovazzi. C’è ovviamente chi è andato oltre. Il settimanale Chi infatti ha rilanciato un gossip: Fedez avrebbe dovuto pagare una penale per aver violato un accordo di riservatezza che lo avrebbe vincolato al silenzio sui motivi che hanno portato alla separazione da Ax e Rovazzi. La notizia, falsa o meno poco importa quando si tratta di gossip, è stata riportata da molti siti. Fedez a un certo punto ha deciso di intervenire e a Tgcom 24 ha dichiarato che l’accordo di riservatezza era scaduto.

 

 

View this post on Instagram

A volte uno sguardo vale più di mille parole

A post shared by FEDEZ (@fedez) on

 

 

Elodie e Marracash sono stati alla prima della Scala e ovviamente c’è stato qualche acuto giornalista che ha di nuovo scambiato Marra per Mahmood. A riportare l’ordine è stato proprio il rapper di Barona, prima con un tweet e poi scambiandosi con Mahmood. I due si sono divertiti a confondere ulteriormente la stampa già abbastanza confusa scambiandosi i profili Instagram per annunciare la loro partecipazione a Rai play da Fiorello. E in quell’occasione Marracash si è vestito da Mahmood e Mahmood da Marracash.

 

 

 

 

Luchè è stato accusato dal web di essere andato fuori tempo durante la sua esibizione a Radio 105. Con un video pubblicato sul suo profilo Instagram, il rapper partenopeo ha mostrato come fosse perfettamente a tempo e che il tutto dipendesse dalle riprese pubblicate dal profilo Instagram di Radio 105.

 

 

 

 

A Eros Ramazzotti fa paura la trap. A dichiararlo è stato lui stesso durante un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. «Mi fa paura. Danno esempi sbagliati e c’è troppa violenza nelle loro canzoni. Vero che la realtà che descrivono è quella che è, ma bisogna essere positivi e pesare bene le parole. Manca uno che bestemmia e siamo a posto…»

 

 

View this post on Instagram

Intervistato da Andrea Laffranchi del Corriere della Sera, Eros Ramazzotti, alla domanda su cosa pensasse della trap, ha risposto senza mezzi termini “mi fa paura“. Ecco l’estratto dell’intervista: Realtà che cambia e nuovi artisti che arrivano a insidiare la sua generazione. Come li vede? «Amo Ultimo: una grande persona e un grande artista che a 23 anni sa già stare sul palco come un 50enne. In questi 10 anni è l’unico che mi ha dato qualcosa. Sta riportando la gente verso il pop-rock. Anche Coez e Calcutta sono forti». La trap? «Mi fa paura. Danno esempi sbagliati e c’è troppa violenza nelle loro canzoni. Vero che la realtà che descrivono è quella che è, ma bisogna essere positivi e pesare bene le parole. Manca uno che bestemmia e siamo a posto…» Chi glielo dice a Eros che c’è eccome chi bestemmia? Caro Eros, Salmo bestemmia, non fa propriamente trap, ma bestemmia e in tv è talmente educato che chiede anche il permesso di bestemmiare. [Articolo completo su www.rebelmag.it] Be you, be R.E.B.E.L. #rap #rapitaliano #trap #hiphop #life #rebel

A post shared by R.E.B.E.L. (@rebel_mag) on

 

 

Il video di Buon Natale 2 di Salmo è stato segnalato e rimosso dalle tendenze. 

 

 

 

 

Bello Figo è stato denunciato dall’università di Pisa per aver girato il video di Trombo a facoltà senza avere il permesso dell’ateneo. Nello specifico si è parlato di scandalo e atti osceni e nella vicenda si è inserita anche l’europarlamentare della Lega, Susanna Ceccardi che parla di “un’offesa senza precedenti per l’Ateneo e la comunità cittadina” e annuncia una prossima interrogazione parlamentare al ministro dell’Istruzione Fioramonti.

 

 

View this post on Instagram

Scandalo e polemiche a Pisa dopo la scoperta di un video trash girato senza permesso da Bello Figo all’interno dell’aula 4 della facoltà di Economia dell’Università di Pisa. Il video, che in realtà è online dal 6 dicembre sul canale YouTube, promuove la canzone Trombo a facoltà ed è stato rimosso oggi da suo canale YouTube. Il rettore Paolo Mancarella, contattato da Agi, fa sapere che “L’Ateneo si tutelerà in tutti i modi per difendere la propria immagine e il proprio onore“. Acceso è il dibattito anche sui canali social dove diversi universitari pisani non celano la propria indignazione per la “profanazione” delle aule di uno degli atenei più importanti e antichi di Italia. [Continua a leggere su www.rebelmag.it] Be you, be R.E.B.E.L. #rap #rapitaliano #trap #hiphop #life #rebel

A post shared by R.E.B.E.L. (@rebel_mag) on

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: