Livio Cori e CoCo insieme in Adda passà rmx

Livio Cori e CoCo insieme in Adda passà rmx

Adda passà rmx è il nuovo singolo di Livio Cori con la partecipazione di CoCo. Dopo il remix di A casa mia con Samurai Jay, Livio Cori pubblica una nuova versione di un altro estratto dal suo esordio Montecalvario (Core senza paura), in questo caso impreziosito dalla presenza di CoCo.
CoCo e Livio Cori, entrambi napoletani, sono amici di vecchia data e hanno dei gusti musicali in comune: tutti e due amano molto i suoni e le atmosfere RnB e trapsoul. Anche per questo, sulla produzione di Big Fish si sono trovati a loro completo agio e, oltre alla nuova strofa di CoCo, c’è un finale in cui le due voci si incrociano.
Il brano parla del periodo successivo a un’intensa storia d’amore finita da poco, racconta la voglia di far passare il dolore e andare avanti. Una volta ancora, Livio Cori e CoCo si sono trovati d’accordo: per un artista, che spesso è in tour e fa session in studio senza limiti di orari, è difficile mantenere delle relazioni stabili…

 

 

 

 
Se in Montecalvario (Core senza paura) – titolo che omaggia il quartiere in cui Lvio è cresciuto – c’è un unico ospite d’eccezione, Nino D’angelo, con il quale l’artista si è esibito al Festival di Sanremo, in questi mesi ha deciso di collaborare con una serie di artisti che stima in modo particolare e che conosce personalmente per dare nuova vita ad alcuni dei suoi ultimi brani. Addà passà rmx è il nuovo frutto di questo percorso.

 

Per Livio Cori il featuring con altri artisti deve necessariamente essere frutto di un’amicizia e di stima reale e reciproca, così come mi aveva raccontato durante una nostre recente chiacchierata:Io non sono bravo nel marketing. Ogni featuring che ho fatto è un rapporto di amicizia che ho, non riesco a fare una collaborazione senza un rapporto umano, perché la musica è così intima che se devi entrare in un pezzo devi conoscere l’altra persona. E ho sempre scelte le collaborazioni in base a questo, nonostante il mercato discografico ti imponga collaborazioni che servono per i numeri, ma io ragiono ancora con il sentimento musicale. Io anche Sanremo l’ho fatto senza un manager, ho ricevuto molte offerte anche da personaggi grossi, ma poi ho scelto quello che mi ha capito, che ha capito il mio viaggio e di cui mi sono fidato”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: