Sfera Ebbasta risponde alle critiche di questi mesi

Sfera Ebbasta risponde alle critiche di questi mesi

È da dicembre che Sfera Ebbasta è al centro del mirino di stampa, televisione, radio, parroci, esosorcisti e chi più ne ha più ne metta. È stato il capro espiatorio di una tragedia che non era minimamente imputabile a lui, ma alla sicurezza latente di un locale che ha causato la morte di 6 persone. Giornalisti e compagnia bella, al posto di aprire inchieste sulla messa in sicurezza dei locali frequentati ogni notte dai ragazzi, hanno preso di mira Sfera, la sua musica e i suoi testi mettendolo alla gogna mediatica come chi promuove violenza e uso di sostanze stupefacenti. Da lì si è arrivati al risultato TRAP=DROGA.

Dal canto suo Sfera ha finora incassato senza mai rispondere, è andato avanti come se nulla fosse, con le sue storie Instagram, i suoi post, il suo modo di fare che tutti conosciamo. Fino ad oggi. Oggi, infatti, ha deciso di replicare.

 

 

Dopo tutto questo silenzio e dopo non aver più avuto una minima accortezza, anche di facciata, nei confronti delle vittime della tragedia di Corinaldo e delle loro famiglie, cosa che in molti si sarebbero aspettati soprattutto perché spesso, se sei un personaggio pubblico, è bene far buon viso a cattivo gioco, ha affrontato l’argomento critiche dicendo poco niente. Siamo tutti d’accordo che Sfera non abbia mai promosso l’uso di droghe nei suoi testi, che sia stato preso di mira ingiustamente, che i ragazzini lo prendano come esempio per quello che rappresenta e non perché si fuma le canne su Instagram, ma fumarsi le canne o prepararsi la purple drank davanti a milioni di ragazzini è tutt’altro che educativo. Al di là del fatto che ognuno nella sua vita è libero di fare ciò che vuole, non è necessario renderlo di dominio pubblico davanti a una telecamera con oltre 2 milioni di followers. Questo è forse l’unico passo falso che gli si può attribuire, perché dopo quanto accaduto e soprattutto vista la sovraesposizione mediatica, avrebbe dovuto quantomeno limitarsi in tali comportamenti. Sta di fatto che un ragazzino non fuma perché vede Sfera Ebbasta farlo su Instagram o dirlo in una canzone, e imputare a lui determinati atteggiamenti è assolutamente sbagliato e limitativo. Quello che dovrebbe passare, e che volutamente è stato tralasciato da molti media, è che Sfera Ebbasta è un ragazzo che da solo e dal nulla si è costruito un futuro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: