Cosa ricorderemo del Festival di Sanremo?

Cosa ricorderemo del Festival di Sanremo?

Il Festival di Sanremo per noi italiani è un po’ come i mondiali di calcio, un momento che tiene tutti volenti o nolenti attaccati alla tv. Nessuno guarda Sanremo ma tutti sanno tutto del Festival, è infatti impossibile rimanere impassibili visto che siamo bombardati per una settimana da tutti i media, forse non ricorderemo tutte le canzoni in gara e l’anno prossimo dimenticheremo chi ha vinto, ma è difficile non ricordare i gossip legati al Festival.

Sono infatti molte le polemiche che hanno accompagnato questa 69esima edizione. Ogni anno abbiamo un’accusa di plagio, quest’anno è toccata ad Achille Lauro che è stato l’uomo nel mirino degli ultimi sei giorni.

Cosa ricorderemo di questo Festival?

Sicuramente la borsetta di Loredana Bertè e la paura che si alzasse la gonna in diretta tv, i rasta di Patty Pravo e il suo “ma sono venuta qui per cantare o per fare un giro?“. Ricorderemo Striscia la Notizia e quel tonno di Valerio Staffelli che pur di far notizia, falsa ovviamente, si è reso ridicolo davanti a milioni di italiani accusando Achille Lauro di aver portato al Festival una canzone che inneggia all’ecstasy. Ricorderemo lo scazzo di Ultimo con i giornalisti “avete solo una settimana all’anno per sentirvi importanti“, ha detto in conferenza stampa. Ci sta la rabbia per non aver vinto, ma Ultimo ha davvero pisciato fuori dal vaso anche non presentandosi da Mara Venier a Domenica In. Del resto anche Loredana Bertè si è incazzata per il risultato ottenuto e non si è presentata al programma domenicale di Rai 1, ma lei è la Bertè e le è concesso tutto. 

Ricorderemo Salvini, il suo tweet dopo la vittoria di Mahmood e il fatto che quest’ultimo si sia dovuto giustificare dicendo di essere cittadino italiano a tutti gli effetti.

Ma cosa abbiamo imparato dal Festival?

Che l’Italia è un Paese in cui vige il pregiudizio, che i gossip fanno più notizia della musica stessa e che il televoto non serve a un cazzo. Ha vinto Mahmood, ma ha vinto anche Achille Lauro che dalla Venier è stato invitato a cantare Rolls Royce due volte e che l’unico artista insieme al vincitore ad aver partecipato a Che Tempo Che Fa da Fabio Fazio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: