Come sarebbe la versione italiana di Rhythm + Flow?

Come sarebbe la versione italiana di Rhythm + Flow?

La notizia è questa: Netflix ha annunciato Rhythm + Flow, un talent show dedicato al rap, nonché la prima competizione musicale prodotta dalla piattaforma digitale con l’ausilio di una casa di produzione che vede in John Legend il suo volto di spicco. Rhythm + Flow partirà nel 2019 e avrà tre giudici d’eccezione: Cardi B, Chance The Rapper e T.I. e le audizioni si svolgeranno a New York, Chicago e Atlanta, ovvero le tre città natale dei giudici. 

rhythm-and-flow-netflix-cardi-b-t-i-chance-the-rapper-theblackmedia-2018

Ok, ma visto che noi importiamo tutto dagli USA, come sarebbe una versione italiana? Partirebbe subito la polemica che il rap deve stare lontano dai talent e dalla tv, perché se vai in tv sei commerciale, perché non posso andare in tv se no mi parte la bestemmia, perché fondamentalmente il rap italiano e i suoi esponenti non hanno mai visto di buon occhio i talent show e gli artisti usciti da essi. Forse le cose ultimamente stanno un po’ cambiando, forse tra qualche anno l’Italia seguirà anche questo modello americano, forse non sono solo i puristi del rap a non volere il rap in tv, ma anche la tv non vuole il rap così com’è, bensì una versione rivisitata e adattata per famiglie, ma se fosse su Netflix e non su un canale standard, forse andrebbe anche bene. Ok, poniamo il caso di un Ritmo e Flow tutto italiano, chi potrebbero essere i tre giudici? Ensi, uno degli ultimi Mc rimasti, legato alle origini ma con uno sguardo attento al presente, uno che sa rappare, scrivere ed è un ottimo freestyler. Salmo, per dare quella parte hardcore e ricca di contaminazioni del rap e per insegnare a stare sul palco. Sfera Ebbasta, perché se dobbiamo metterci la trap, lui è sicuramente l’esponente migliore e anche dal punto di vista del business sa il fatto suo. Il tutto potrebbe essere presentato da Marracash che, con MTV Spit e il Red Bull Culture Clash, ha dimostrato di essere un ottimo padrone di casa e vedere la partecipazione di Fabri Fibra come giudice esterno. Mentre fantastichiamo, godiamoci la versione made in USA e prendiamo appunti.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: