Il rap salva le persone

Il rap salva le persone

Il rap è una terapia per chi lo ascolta e per chi lo fa. Sebbene siamo molto distanti dal modello del gangsta americano e come mi disse una volta Clementino i veri gangstar sono i cantanti neomeloci, non i rapper, il rap nasce nelle periferie, nei centri sociali, da ragazzi che non hanno niente e che hanno poche scelte e opportunità nella vita. Spesso è un attimo finire sulla strada sbagliata, ma ascoltare rap ha fatto capire a molti ragazzi, che oggi sono diventati esponenti della scena, che potevano esprimersi liberamente attraverso le rime e potevano sperare in un futuro diverso. Il rap in questo senso salva le persone, sia chi lo fa che chi lo ascolta perché ti parla come nessun’altro sa fare. Ieri Rocco Hunt ha pubblicato su Instagram una foto che lo ritrae a 17 anni raccontando un vissuto del quale in pochi erano a conoscenza, ma che accomuna molti e che riaccende la fiamma dello spirito hip hop.

Inst-image.jpg

Guardando questa foto quasi tutti penseranno ad un Rocco con alcuni (troppi) chili in più, la faccia da scugnizzo e la voglia di conquistare il mondo. In pochi sanno che le sbarre che vedete dietro di me sono quelle del carcere minorile di Airola. Avevo diciassette anni, e la consapevolezza che mi sarebbe bastato un soffio per finirci davvero. E invece ero lì per tenere un corso di rap, un corso che non solo mi ha permesso di incontrare ragazzi che poi sarebbero diventati amici in questa vita ma anche di dimostrare a chi forse credeva di aver rovinato la propria, di vita, che c’è sempre una seconda possibilità. Il rap è questo. È un foglio bianco su cui sfogare tutte le proprie frustrazioni, la propria rabbia, il rimorso per scelte ed errori che ti portano in cella invece che a scuola. La musica è arte, e quando tieni in mano una penna invece di un coltello o una pistola, sei capace di cose che mai avresti potuto immaginare. Airola mi ha insegnato a non arrendermi mai, a non pensare mai di non poter risalire, e io spero di aver ricordato a ogni ragazzo che ho incontrato lì dentro che se crei qualcosa di bello, non sei mai un fallito. Se hai ancora in testa pensieri e parole, puoi fare qualsiasi cosa.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: