Achille Lauro e il calcio dato a un fan

Achille Lauro e il calcio dato a un fan

L’ennesimo atto di violenza da parte di un artista nei confronti di una persona del pubblico. Dopo Jamil, sabato notte è toccato ad Achille Lauro, che non è di certo un novellino in questo.

Come dimenticare l’episodio di qualche anno fa, quando Lauro ha picchiato un fan e come dimenticare il suo “A regazzino”.

Ma veniamo ai fatti recenti. Sabato notte Achille Lauro si è esibito al Caramelle Summer Disco di Sommo, in provincia di Pavia e ha colpito con un calcio un membro del pubblico, prima che quest’ultimo venisse allontanato dalla sicurezza del locale.

Stando a quanto riportato da Blasting News, Achille Lauro avrebbe colpito con un calcio uno spettatore dopo aver ricevuto degli insulti da parte di quest’ultimo, infastidito dal fatto che l’artista, più volte durante il concerto, avesse lanciato dell’acqua sul pubblico.

Una ragazza, che ha assistito all’episodio, ha raccontato l’accaduto sul gruppo Facebook di CMC: “Stavo in prima fila godendomi il concerto, a un certo punto arriva un ragazzo, facendosi strada proprio accanto a me, e imbruttisce Achille, dicendogli: Se lanci ancora l’acqua ti spacco la faccia, coglione’. Achille non ci pensa due volte e gli sferra un calcio in piena faccia“.

Il pubblico, anche questa volta, si è schierato dalla parte dell’artista, insultando il ragazzo che si è preso un calcio in faccia, rendendosi colpevole tanto quanto Lauro. 

Mi è dispiaciuto molto sia leggere che dare questa notizia, perché stimo Achille Lauro sia personalmente che artisticamente, ma la violenza è violenza e non esiste che un ragazzo venga picchiato da un artista. Spesso il pubblico esagera, insulta senza motivo, è violento dal punto di vista verbale sia sui social che durante i live, ma l’artista in quanto tale ha il dovere di mantenere il controllo. È un essere umano, certo, ma nelle occasioni pubbliche non può e non deve comportarsi come farebbe in quelle private.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: