Fermate Dolcenera!

Fermate Dolcenera!

Dolcenera: come sputtanarsi una carriera per correre dietro alle visualizzazioni.

La situazione sta letteralmente sfuggendo di mano alla cantante pugliese che, nonostante sia letteralmente derisa da metà scena rap, continua imperterrita sulla strada delle cover. L’ultimo ad essersi espresso é stato Mondo Marcio che ha colto in pieno la fame di popolarità della cantante definendola #clickbaitqueen. È evidente che abbia capito quanto la trap oggi sia l’onda da cavalcare per avere popolarità e non riuscendo a spaccare con la propria musica, né con featuring ad artisti rap, non le é restato altro che cimentarsi nelle cover. Da lì è stata notata dagli Arcade Boyz che, invitandola nel loro format 5 Minuti di Violenza, le hanno dato una bella fetta di visibilità da parte dei giovanissimi. Galeotto fu poi il concerto di Achille Lauro dove la cantante ha conosciuto Wad che l’ha invitata prima a Say Waad e poi a Hip Hop Tv. Puntata dove tra gli altri ero presente pure io per proporre argomenti di discussione e dove lei ha saputo tener banco con un sermone sul rap e sulla trap. Come se io spiegassi a Cracco come si deve cucinare un uovo fritto.

Partendo dal presupposto che le cover sono sempre state fatte in tutti i generi musicali, viene da chiedersi come sia nata questa sfrenata passione di Dolcenera per la trap. Trattandosi di una cantante matura, presente sulla scena da tantissimi anni, perché si è interessata al rap solo oggi? Forse perché oggi é più in voga che mai? Non ha mai fatto una cover sui Dogo, Fibra, Neffa, Marracash, perché molto probabilmente all’epoca non li cagava neanche ma oggi é l’esperta di rap. Se a questo aggiungiamo anche che per le cover non ha scelto personaggi a caso, ma i più in voga, é evidente quanto il tuo sia mosso da fame di popolarità e nient’altro. Sfera Ebbasta, DPG, Capo Plaza, Ghali e Young Signorino, guarda caso i nomi del momento. Non ha scelto Giaime, Vegas Jones, Cromo, Rkomi ma i più in voga, quelli più seguiti, i più acclamati. La scelta é stata furba e non poco. Ma dove pensa di arrivare Dolcenera? Ora ha pubblicato anche un album/raccolta delle sue cover su Spotify intitolato ‘Regina Elisabibbi’, forse “Cover’, sullo stile di ‘Album’ di Ghali, era più che sufficiente.

Il consiglio di Mondo Marcio che molto educatamente le suggeriva di dedicarsi a musica propria, non l’ha decisamente accolto. Non solo é derisa e tutti hanno capito il trucco, ma non viene neanche cagata dagli artisti stessi a cui ha dedicato le cover, ma la fame di fama é più forte di tutto, anche dell’amor proprio e Dolcenera va avanti per la sua strada come un caterpillar. L’unica speranza è che si fermi o che qualcuno la fermi perché, oltre ad essere ridicola, le sue cover sono ancora peggio delle originali. Se ama così tanto la trap, al punto da dire in trap we trust, perché non fa un pezzo trap tutto suo? 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: