Plant: come scavarsi la fossa da solo

Plant: come scavarsi la fossa da solo

E’ da un anno che tra alti e bassi si sente in nome di Plant, questo giovane ragazzo originario della Puglia. Ho sentito tante voci su di lui, c’è chi lo spinge dall’inizio, chi mi ha detto che quest’estate hanno provato a venderlo a un grosso evento musicale nella sua regione chiedendo una cifra molto alta pur essendo quasi uno sconosciuto. Sono atteggiamenti questi che fanno subito allontanare le persone da un artista perchè si percepisce che manca l’umiltà e la voglia di fare una sana gavetta. Ultimamente è stato spinto anche da AlePuntoeBasta, persona che stimo molto e ho pensato che da lì a breve il ragazzo avrebbe fatto ancora di più parlare di sè.

E così è stato, peccato che per far parlare di sè, insieme ai suoi produttori Soyle e Sunken, abbia messo in scena una delle storie più squallide che abbia mai visto. Dopo l’uscita del video ‘I miei bro’, i due fedeli compagni di Plant hanno pubblicato un video sul profilo Instagram di quest’ultimo decantando la sua scomparsa e invitando le persone a scrivere sotto al video se avessero avuto notizie di lui. Lo stesso è stato pubblicato in un Instagram stories di Sto Magazine. Peccato che la gente non sia assolutamente scema e se da una parte molti hanno commentato preoccupati, dall’altra la maggioranza ha subito sentito puzza di trollata a livelli epici.

A far cadere per primo la faccenda è stato Nerone che, come sappiamo, non le manda mai a dire e in due Instagram stories ha espresso la sua opinione.

Non sappiamo i retroscena tra loro, ma è evidente che Plant abbia così tanta voglia di emergere che è disposto a tutto. La storia si conclude con alcuni video nei quali Plant prova a spiegare la figura di merda fatta arrampicandosi palesemente sugli spacchi. Arriva persino a dire che la mossa di Nerone è stata molto triste e che è l’ennesima dimostrazione che a questo mondo vanno avanti solo il gossip e le stronzate ed era proprio questo il messaggio che lui e il suo team volevano lanciare. Team che ha ribattuto scrivendo “Plant ha appena spiegato come stanno le cose. Ecco cosa vuol dire essere signori“.

Più che da signori, il vostro gesto è stato da coglioni. Va bene l’hype, va bene il gossip, va bene il marketing ma inventarsi storie così gravi per attirare l’attenzione su di sè e sulla propria musica è davvero squallido e inammissibile. I social stanno dando un potere enorme ad artisti senza arte nè parte che per avere due visualizzazioni farebbero di tutto anche inventare la propria scomparsa. Per fortuna che il web da ma toglie anche molto in istante e soprattutto non dimentica. Una mossa del genere, fatta da un artiste che è alle prime armi non fa altro che causare la sua fine. Il pubblico dei social, una volta scoperta la verità, ha prontamente commentato malamente la messa in scena di Plant & co., sicuramente molti smetteranno di seguirlo, chi lo sosteneva pubblicando la sua musica molto probabilmente smetterà di farlo, chi lo supportava lavorando con lui è probabile gli volti le spalle. Si può dire di tutto di Nerone, ma a Milano gode del supporto e dell’amicizia dell’intera scena e dopo la mossa infelice di Plant, quest’ultimo sarà sicuramente escluso senza convenevoli. Si è letteralmente scavato la fossa da solo, voleva attirare l’attenzione sul suo video ma l’ha fatto nel modo peggiore. Se già fai musica mediocre e non sai neanche fare marketing e creare hype nel modo giusto, lascia stare la musica, vai a studiare e trovati un lavoro. Il rap game non perdona e sei l’esempio più basso che si potesse avere.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: