La stupidità dell’hater

La stupidità dell’hater

Ho sempre nutrito un misto tra disprezzo e divertimento nel leggere i commenti di certe persone sui social network. Mi riferisco agli hater, ma non a tutti, solo a quelli che commentano offendendo gratuitamente le persone, non per aver fatto qualcosa di discutibile come può essere una canzone, un video, un articolo o un post dando una loro opinione in merito, ma quelli che insultano il malcapitato dal punto di vista fisico. E lo fanno solo per il piacere di insultare, per avere un secondo di finta popolarità sui social, per sentirsi fighi e per ricevere il like dall’amico più stupido di lui. Ho sempre saputo che nel momento in cui metti la faccia e dai un’opinione sei passibile di qualsiasi tipo di critica, ma ben vengano le critiche e le discussioni al posto dei fai schifo, sei un cesso, hai la pancia e via dicendoCommenti e insulti assolutamente inutili che a me hanno sempre dato la conferma della stupidità dell’italiano medio che utilizza i social e che dietro a uno schermo con una tastiera in mano si sente Dio. Questo tipo di atteggiamento colpisce tutti dai più ai meno popolari, cantanti, rapper e vip compresi perché l’hater coglione é sempre in agguato. Una delle persone che non le ha di certo mai mandate a dire né nelle rime, né sui social é sicuramente Gué Pequeno. Da anni le sue risposte su Twitter, Facebook e Instagram hanno tenuto banco. Alcuni sono talmente comici che solo per questo il Gentleman italiano meriterebbe una medaglia.

20180206_145207

Ieri ho guardato il video delle Iene in cui il Guercio é stato messo davanti a uno dei suoi hater più accaniti che commenta ogni suoi post additandolo ovviamente non per la musica, ma per la sua pancia e i suoi pettorali. Già il contenuto dei suoi commenti la dice lunga sulla stupidità della persona in questione. Ovviamente il Guercio, che ci vede lungo, ancora prima di incontrarlo ha subito ipotizzato che sotto sotto fosse un suo fan e guarda caso ci ha preso in pieno.

L’inutile hater é rimasto totalmente impietrito dall’arrivo di Gué Pequeno e ha poi confessato come un agnellino, non solo di essere suo fan, ma di avere anche comprato il biglietto per il suo concerto del 3 marzo.

Della serie dietro uno schermo tutti leoni, dal vivo tutti coglioni.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: